Chi è Dina Pala ??


Dina Pala nasce come pittrice, delineando sin dalla tenera età i tratti distintivi del suo volto artistico.
Primo fra tutti il gusto per la sperimentazione, sempre fertile e pon­derata, del colore e delle tecniche, che denotano l´interesse costante per la ricerca del nuovo, della matericità controllata e bilanciata tra tendenziali pragmatiche e astrattamente evane­scenti.foto4

Dipingere, per Dina Pala significa, dominio della trama disegnativa, pos­sesso del colore, sviscera­to fin nella chimica de­gli elementi, armonia lumi­nistica in equilibrio for­male e strutturale.

Una passione per la pittu­ra da cui emergerà, di lì a poco, l´esigenza plastica, triedrico poten­ziamento di accentuazione emozionale e chiaroscurale.
L´impulso alla sperimentazione proviene anche dall´humus cul­turale su cui Dina Pala imposta la propria esperienza artistica.

L´incontro col maestro Carlo Contini, che la segue da vicino e ne inco­raggia la creatività, e con A. Corriga, la conducono già nel 1959 alla Quadriennale di Roma e al succedersi di riconoscimenti e successi in campo artistico.

Autodidatta per eccellenza, pur non iscritta ai corsi, frequenta le lezioni di Pittura e Scultura presso l´Accademia di Venezia per volere del pittore Virgilio Guidi, e sotto la guida di Pietro Anni­goni presso l´Accademia di Firenze.foto5

Le sue mostre personali e le partecipazioni in collettiva le hanno dato occasione per co­noscere e frequentare artisti del calibro di M. Delitala, A. Mura, Stanis Dessy, Melkiorre Melis, M. Man­ca, e ancora A. Sassu, Giò Pomodoro, G. Manzù, M. Sironi, M. Schifano, R. Guttuso, G. De Chirico, con i quali ha stretto rapporti di amichevole scambio cultu­rale e di eloquire con Marcello Serra, Peppetto Pau, C. Contini, R. Guttuso, P. Pais, N. Valle, D. Sanna, G. Dessy, F. Masala, A. Ciardi Duprè, L. Servolini, G. Falossi, M. Casalini, E. Lilliu che hanno firmato gli scritti relativi alla sua arte.

Di loro, Dina Pala profila il ricordo nel lirismo delle composizioni, in un´ottica interiorizzante da cui prorompe la sua indomita e originale personalità creativa.

Viene annoverata tra i grandi scultori del contemporaneo, già dal 1969, e riconosciuta quale Caposcuola del "Fluttuismo" all´ Art Expò di New York nel 1999.
Ha esposto i suoi lavori nelle più importanti città italiane e a Francoforte, Admen, Cannes, Londra, Parigi, New York, Caracas, Hong Kong, in cui nel 1993 vince il primo premio per la Pittura (Art And Word), collocandosi al 7º posto nella classifica mondi­ale.foto6

Il respiro inter­nazionale anima tutta l´opera di Dina Pala, anche quando affronta tematiche legate al ricordo della sua infanzia.
Pittura, scultura e grafica veico­lano intensamente l´emozione di questo ricordo, fermato nel­l´istante sospeso tra dimensione onirica e fresco realismo, nella dicotomia armonica con la sua contemporanea ispirazione mo­derna.

  Previous Pagina 1 di 3 Next  

© 2009-2017 DinaPala.it  #  “Dina Pala” ...artista del novecento.